Skid pompa MRP / Skid pompa MRP

Lo skid pompa pistone MRP è principalmente ideato per portate e pressioni idonee a impianti di riempimento bombole di gas tecnici, medicinali e alimentari di medie e grandi dimensioni.





























Sono disponibili due modelli di skid MRP che variano in funzione delle prestazioni di portata e pressione desiderate.


- MRP 40/40 (K o T)
- MRP 40/55 (K o T)

La tabella seguente riporta alcuni dati tecnici relativi alle prestazioni di portata e pressione per ciascuna pompa.

I valori di pressione e portata indicati in tabella sono approssimati.
Sono tuttavia disponibili le curve dettagliate di funzionamento per ogni modello di pompa.















La configurazione di base di uno skid MRP è costituito dai seguenti elementi principali.

Basamento in acciaio inossidabile

Pompa Cryostar modello MRP (K o T)
La pompa è in grado di trasferire liquidi criogenici quali: ossigeno, azoto, argon, LNG. Per conoscere le prestazioni della pompa riferitevi alla tabella allegata.

Motore elettrico e sistema di trasmissione tramite pulegge a cinghie trapezoidali
Il rapporto di trasmissione e la potenza installata desumibile dalle caratteristiche delle singole pompe, determina la portata del sistema di pompaggio.

Carter di protezione della trasmissione dotato di finecorsa elettrico di sicurezza
Il carter in acciaio inossidabile è progettato per garantire la massima protezione dell’operatore,
pur consentendo il facile accesso al vano trasmissioni in occasione delle operazioni di manutenzione.
Per rispettare i massimi criteri di sicurezza, il carter è dotato di un finecorsa di posizionamento che, in caso di apertura, interrompe l'alimentazione provocando quindi l’inibizione alla marcia o l’eventuale arresto della pompa.



Flessibili di connessione tank per aspirazione e ritorno gas
I tubi flessibili, realizzati in acciaio inossidabile, sono adatti a connettere la pompa alle connessioni di aspirazione e ritorno gas del serbatoio criogenico senza indurre stress meccanico alle tubazioni ed alla pompa stessa.

Collettore di mandata liquido con polmone smorzatore e valvola di non ritorno
Il polmone smorzatore ha la funzione di ridurre al minimo le pulsazioni indotte tipiche del moto alternativo di pompaggio, mentre la valvola di non ritorno impedisce il riflusso.

Valvola criogenica di spurgo manuale modello LVHPM DN8
Questa valvola, progettata e costruita interamente da Tecnocryo S.p.A., ha la funzione di depressurizzare il circuito della pompa in occasione della sua messa fuori servizio ordinaria o di manutenzione. Per maggiori ragguagli circa le caratteristiche della valvola in questione, visitate la pagina dedicata a questo modello.

Valvola di sicurezza bassa pressione
Ha lo scopo di proteggere l’aspirazione pompa da sovrappressioni, in caso di intrappolamento di liquido fra la valvola di sezionamento della aspirazione e la pompa stessa.

Valvola di sicurezza alta pressione
Previene il raggiungimento di valori di pressione non coerenti con il dimensionamento della linea di alta pressione dell’impianto.

Sonda di temperatura PT100 in mandata
Controlla che la pompa stia funzionando sicuramente con la fase liquida del fluido criogenico (e non con quella gassosa). Pertanto, vengono da questa monitorati dei valori di temperatura che si aggirano solitamente intorno ai -150°C ÷ -100°C.

Sonda di temperatura PT100 sulla lanterna (premistoppa)
Controlla la temperatura nella zona compresa fra la parte “fredda” del corpo pompante e quella “calda” del manovellismo. Un valore di temperatura rilevata troppo bassa, è indice di una perdita di liquido indesiderata, verso il manovellismo della pompa.

Cassetta elettrica di derivazione dotata di pulsante di emergenza
Questo elemento, oltre a mettere in evidenza verso l’operatore il pulsante di emergenza, permette il cablaggio rapido di tutti i vari accessori elettrici (standard ed opzionali) presenti sullo skid.
Al suo interno, è presente una apposita morsettiera di cablaggio.

Aspirazione versione K o T
L'aspirazione della pompa può essere scelta in versione K o T in funzione del tipo di serbatoio scelto per il collegamento.
La connessione tipo K è adatta al collegamento a serbatoi tradizionali, mentre la connessione tipo T è specifica per serbatoi con circuito a termosifone.

Opzione A: Sonda di temperatura PT100 sul ritorno gas
Qualora si voglia rendere automatica la messa a freddo della pompa (valvola di aspirazione comandata pneumaticamente) o si voglia monitorare lo stato di alimentazione della pompa, questa sonda permette di rilevare la temperatura del liquido criogenico di aspirazione nel tratto in cui il liquido, scaldato dalla pompa, ritorna in fase gas verso il serbatoio.

Opzione B: Valvola criogenica di spurgo automatica modello LVHPA DN8
Questa opzione si rende necessaria in caso di automazione del sistema di pompaggio.
La valvola automatica di spurgo viene anche impiegata negli impianti automatici di riempimento bombole, per realizzare il sistema di carica statica SFS (Static Filling System) appositamente sviluppato da Tecnocryo.

Opzione C: Sistema di inertizzazione con azoto
Permette di mantenere asciutte e pulite ed inertizzate, tutte quelle parti della pompa che, diversamente, in caso di umidità o di sporco, potrebbero, a causa delle basse temperature, compromettere il buon funzionamento della pompa stessa.
Esso si compone di un gruppo di riduzione con flussimetro precablato  e pronto ad essere collegato ad una rete di bassa pressione di azoto.
Il consumo tipico è di circa 1-2 Nl/min.

Opzione D: Collare riscaldante
Si tratta di un sistema che, attraverso idonea scaldiglia, permette il riscaldo della zona del premistoppa.Ciò si rende necessario per il corretto funzionamento delle tenute della pompa in caso di impieghi in climi particolarmente rigidi.

E: Valvole automatiche DN20 per le linee di aspirazione e ritorno al serbatoio
Sono richieste in caso di automazione del processo di messa a freddo dello skid.

F: Separatore di fase liquido/gas
Permette di separare la fase gassosa, prodotta durante il raffreddamento della pompa, dalla fase liquida, consentendo quindi la corretta alimentazione della pompa stessa. La fase gassosa è quindi ricondotta (recuperata) nella parte alta del serbatoio.

Skid pompa SDPD ATEX per pompaggio in zona a rischio formazione atmosfere esplosive.
I nostri skid pompa possono essere specificatamente costruiti per impieghi in zone a rischio formazione atmosfere esplosive (ATEX) ed in particolare Zona 1 e Zona 2.
In questo caso il design dello skid cambia sensibilmente e diversi componenti, come pulegge, elettrovalvole, finecorsa, cassetta elettrica, ecc...